Il Certificato di Idoneità Statica

11/04/2018

 

A Milano è stato introdotto il Certificato di Idoneità Statica per gli edifici con più di cinquant'anni. Per gli edifici con più di cinquant’anni e privi di collaudo statico si dovrà provvedere a verificare lo stato dell’immobile secondo le linee guida redatte dall’Ordine degli Ingegneri di Milano entro novembre 2019.

 

Si può dibattere su una misura tesa a prevenire eventi drammatici? In Italia pare di sì. Partendo dal solito coro: ma fino ad oggi non è successo niente.
 

Analizziamo le evidenze:

 

  • notizie di tragici eventi per crolli di parti di edificio quali ballatoi, scale, balconi sono frequenti anche se non hanno risonanza nazionale; questo non consente di formare un'adeguata sensibilità al problema della sicurezza degli stabili;

  • sempre più frequentemente accadono dei “mancati incidenti” con crolli di rivestimenti, intonaci, lastre... di cui solo raramente si sente parlare sugli organi di stampa nazionali perchè nessuno è stato ferito gravemente;

  • la larga parte degli edifici costruiti in Italia ha ormai più di cinquant'anni, considerato periodo di “vita utile” degli edifici ordinari, periodo oltre il quale risultano necessari interventi di manutenzione straordinaria per prolungarne la “vita utile”.

 

Il quadro è quindi preoccupante.

Ma.
Ma la prevenzione costa. Certo, ma aumenta la sicurezza, basti pensare a quanto spendiamo in revisioni dell'auto, della caldaia, degli impianti elettici che tutti compiamo per evitare danni. Quando si parla della sicurezza statica invece il messaggio dominante riguarda solo il “costo”, la percezione di una “vessazione” ed i tecnici vogliono solo speculare.

 

La realtà è ben diversa e basterebbe vedere quali esiti drammatici possano avere gli interventi “fatti in casa” per aprire porte o finestre, la mancata manutenzione degli stabili, l’aggiunta di elementi impiantistici. Girando per Milano si trovano situazioni che hanno dell'inverosimile con murature portanti devastate da nicchie, porte, aperture... “tanto il muro è grande”. Oppure pilastri ridotti perchè non ci sta il forno, colonne in calcestruzzo gettate dentro bidoni... senza parlare di sopraelevazioni, qualità di materiali, manutenzione dei piani cantinati (tanto non si vedono e quindi non è un problema). E gli effetti di tali situazioni si tramutano a volte in “fatalità” che finiscono solo sui notiziari locali, senza andare ad incidere sulla percezione diffusa.

 

Come tecnici specialisti non possiamo sottrarci ad un dovere di informare la società sui rischi che corriamo. Come tecnici specialisti non possiamo raccontare che la prevenzione non serva. E nemmeno possiamo dire che possa essere affidata a persone non formate allo scopo. Se gli edifici sono malati, servono tecnici istruiti, formati ed esperti nel riconoscere i segni della loro sofferenza, saperne giudicare la gravità e le modalità di cura, se necessarie.

 

Fortunatamente parrebbe che tutti questi aspetti possano entrare, finalmente, nel nuovo DPR 380, in cui avremo l’obbligatorietà del fascicolo dell’opera e del CIS su tutto il territorio nazionale. Sarà quindi compito delle categorie tecniche illustrare alle comunità di avere edifici più sicuri e società più resilienti.
 

Share on Facebook
Share on Linkedin
Please reload

POST IN EVIDENZA

Carota e bastone

July 25, 2019

1/2
Please reload

POST RECENTI

Please reload

ARCHIVIO

Please reload

CERCA PER TAG

Please reload

SEGUICI

  • Grey Facebook Icon
  • Grey LinkedIn Icon
  • Grey YouTube Icon
  • archilovers logo png 40px

AR.IN. Studio - Progettazione e Servizi per l'Architettura e l'Ingegneria

Studio associato

ISO9001 N.11777/A/001/UK/it | P.IVA 04468430964

Via Paolo Tatti 5, 20029, TURBIGO (Città metropolitana di Milano)

TEL +39-0331-871699 | FAX +39-0331-890689 | E-MAIL info@arinstudio.it

  • White Facebook Icon
  • White LinkedIn Icon
  • White YouTube Icon
  • logo-archilovers ridotto

TERMINI DI UTILIZZO COOKIE e TRATTAMENTO DATI PERSONALI - Vi informiamo che questo sito utilizza i cookie per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Abbiamo aggiornato le nostre regole relative alla privacy e al trattamento dei dati personali (forniti tramite i form CONTATTACI e LAVORA CON NOI) affinché siano conformi al nuovo Regolamento generale sulla protezione dei dati personali (GDPR). Informiamo che il titolare del Trattamento dei Dati è AR.IN. STUDIO, con sede in Via Paolo Tatti 5, Turbigo e il trattamento dei dati personali avviene presso la medesima sede. Confermiamo che i dati personali non saranno comunicati a terze parti e la loro cancellazione sarà sempre comunque possibile tramite richiesta via e-mail. Continuando a navigare su questa pagina accetti quanto in conformità al nuovo Regolamento generale sulla protezione dei dati personali (GDPR) entrato in vigore a partire dal 25 maggio 2018.